TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Lotteria degli scontrini, si parte l'1 gennaio. CNA Trentino Alto Adige chiede sei mesi di proroga. Corrarati: "Iniziativa discutibile del governo"

Dopo il parere favorevole del Garante della privacy, l’Agenzia delle Entrate ha fissato, con provvedimento direttoriale del 31 ottobre 2019, le modalità operative per l’invio dei dati degli scontrini che parteciperanno alla lotteria dal prossimo 1° gennaio 2020. Lo rende noto CNA Politiche Fiscali Trentino Alto Adige.  Claudio Corrarati, presidente di CNA Trentino Alto Adige, ribadisce la posizione: “Necessaria una proroga di sei mesi ed in ogni caso siamo molto perplessi sull’introduzione di sistemi di gioco per incentivare la correttezza fiscale”.

“In particolare – spiegano i fiscalisti CNA - il provvedimento precisa le modalità tecniche per la trasmissione delle informazioni contenute sugli scontrini e le caratteristiche del file generato mediante i Registratori Telematici. Con riferimento agli strumenti da utilizzare, viene precisato che entro il 31 dicembre 2019 tutti i modelli dei Registratori Telematici (RT) e la procedura web dell’Agenzia delle Entrate in grado di effettuare la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi sono configurati per consentire la trasmissione dei dati validi per la lotteria degli scontrini. Tali strumenti sono configurati per consentire, anche tramite lettura ottica, l’acquisizione di un codice lotteria, rilasciato facoltativamente dal cliente al momento della memorizzazione dei dati dell’operazione commerciale che coincide con il momento di effettuazione dell’operazione. Il codice lotteria è un codice identificativo univoco che il consumatore finale genererà sul “portale della lotteria”, appena questo sarà disponibile”.

Fino al 30 giugno 2020 non possono partecipare alla lotteria i corrispettivi certificati tramite i Registratori Telematici (RT) dei soggetti già tenuti ad inviare i dati al sistema Tessera Sanitaria (TS).

I documenti commerciali validi ai fini della lotteria sono quelli trasmessi esclusivamente allo scopo di partecipare alla stessa lotteria, considerato che per concorrere all’estrazione è necessario che i consumatori, al momento dell’acquisto, comunichino il proprio “codice lotteria” all’esercente esprimendo così la volontà di partecipare al concorso.

Il provvedimento fissa, inoltre, le modalità di trasmissione dei dati che partecipano alla lotteria tramite l’utilizzo dei Registratori Telematici, come pure le regole di composizione del file da trasmettere all’Agenzia delle Entrate in formato xml composto da 1 a 100 documenti e con una dimensione massima di 60 kb.

La trasmissione dei documenti commerciali ai fini della lotteria avviene in un orario casuale all’interno dell’intervallo di funzionamento del registratore telematico, nell’arco della giornata di emissione del documento commerciale e comunque entro il termine di dodici giorni dall’effettuazione dell’operazione (art. 2, comma 6-ter, del D.Lgs. n. 127/2015).

Viene precisato che possono partecipare anche i documenti commerciali inoltrati successivamente alla data di emissione, nel rispetto delle regole della lotteria. 

Sulla lotteria degli scontrini CNA regionale sottolinea che mancano le condizioni per ipotizzarne l’avvio dal primo gennaio 2020. “È auspicabile una proroga al primo luglio e una riduzione delle sanzioni. L’operazione richiede un adeguamento dei registratori telematici e interesserà una vasta platea di operatori. Lascia in ogni caso perplessi – conclude il presidente Corrarati - che lo Stato ricorra a sistemi di gioco per incentivare un cambio di rotta. Digitalizzare il Paese e incentivare la correttezza fiscale sono due obiettivi importanti, ma non possono passare per la creazione di lotterie ipotizzando che i cittadini diventano virtuosi solo se hanno la prospettiva di ricevere premi e cotillons”.

Documenti Allegati: