TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Decreto fiscale, accolte le proposte di CNA Costruzioni: stop all'onere dei controlli fiscali demandati alle aziende

“Il Governo anche se non ha accettato in pieno la proposta di CNA Costruzioni per abolire l’articolo 4 del Decreto fiscale che prevede l’obbligo per i committenti di versare le ritenute operate dalle imprese appaltatrici e subappaltatrici, ha comunque considerato le nostre ragioni circoscrivendo in maniera significativa l’ambito di applicazione del citato articolo nell’ambito del settore costruzioni”. Lo rende noto CNA Costruzioni Trentino Alto Adige.

CNA Costruzioni Trentino Alto Adige: "Mezzi di trasporto di imprese edili, evitate le complicazioni. L'Ue ha accolto le richieste. Le esenzioni per le micro, piccole e medie imprese sono state inserite nei regolamenti su tempi di guida e tachigrafi"

Sono state accolte le proposte di CNA Costruzioni, avanzate alle istituzioni europee tramite EBC, l’organismo europeo delle costruzioni di cui CNA è socio fondatore, in merito ai mezzi di trasporto delle imprese edili. Lo scorso 20 dicembre le istituzioni europee hanno approvato un accordo sui Regolamenti “Tempi di guida” e “Tachigrafi”. La Commissione Trasporti del Parlamento Europeo li ha adottati con un provvedimento del 21 gennaio di quest’anno. 

Ritenute fiscali per il lavoro dipendente negli appalti. CNA Trentino Alto Adige: "La nuova norma penalizza le piccole imprese. Articolo da abolire"

Secondo CNA Trentino Alto Adige permangono le gravissime criticità relative all’articolo 4 decreto-legge n.124/2019, il collegato alla legge di bilancio 2020. È stata circoscritta l’applicazione del meccanismo di versamento delle ritenute fiscali per il lavoro dipendente nell’ambito di appalti e subappalti ed estesa al 2019 e al 2020 la possibilità per le imprese di compensare le proprie cartelle esattoriali con i crediti commerciali e professionali con la PA. Queste le novità introdotte dalla conversione in legge del Decreto Fiscale, collegato alla Manovra finanziaria 2020.