TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Centri di controllo privati: riprende il dialogo con la Motorizzazione

Dopo diversi anni, caratterizzati da numerosi avvicendamenti ai vertici della Motorizzazione, la CNA trova la disponibilità dell’amministrazione di ristabilire un dialogo costruttivo, nell’interesse sia delle imprese e soprattutto della sicurezza stradale dei veicoli. È quanto emerso la scorsa settimana durante un incontro, con i vertici del Ministero, durante il quale CNA Autoriparazione ha chiesto la riapertura di un tavolo di confronto permanente per affrontare i temi che da troppo tempo i centri di controllo privati vedono inascoltati. Un impegno mantenuto dalla Motorizzazione che ci ha convocato per il 2 ottobre.

Officine di autoriparazione, riemerge dal dimenticatoio l'obbligo di certificare le caraffe per i liquidi sfusi. CNA-SHV: norma da rivedere

Nei giorni scorsi le officine di autoriparazione della provincia di Bolzano hanno trovato sulla propria casella di posta elettronica certificata una comunicazione da parte del Servizio Metrico della Camera di Commercio di Bolzano, che ricordava a tutti l’esistenza di un obbligo risalente a molti anni fa. Con la circolare viene ribadito l’obbligo, nelle officine di riparazione delle autovetture, in caso di vendita di liquidi sfusi (oli lubrificanti, liquidi di raffreddamento, fluidi idraulici, liquidi tergicristallo, AdBlue, ecc.), di utilizzare strumenti di misura certificati.

I più diffusi strumenti per l’effettuazione di queste operazioni sono delle caraffe metalliche - con diverse capacità dichiarate - nelle quali vengono versati i liquidi che a loro volta vengono inseriti all’interno delle autovetture attingendo a taniche e barili di grandi dimensioni.

Secondo la norma tali caraffe, che devono essere costruite e certificate in base alle norme tecniche europee, vanno sottoposte ogni 4 anni ad una verifica certificata della loro capienza per assicurarsi che abbiano mantenuta inalterata la loro capacità.

CNA Trentino Alto Adige: "Revisione dei veicoli, necessario anticipare le scadenze. Impossibile effettuare i controlli a 150.000 veicoli in tre mesi"

I centri di controllo per la revisione auto, pur essendo tra le attività rimaste aperte, a seguito della proroga delle scadenze delle revisioni dei veicoli da eseguire entro il 31 luglio al 31 ottobre, hanno subito un crollo pressoché totale dell’attività.

“Con l’inizio della fase 2 – afferma CNA Trentino Alto Adige - ci aspettiamo una ripresa regolare delle attività e una riprogrammazione delle scadenze. Non è pensabile aspettare il 31 ottobre: si aggraverebbe la sostenibilità economica delle imprese, in grande difficoltà già oggi, e un carico di lavoro di circa 7 milioni di veicoli in Italia e quasi 150.000 in Trentino Alto Adige da revisionare in tre mesi, che sarà impossibile da evadere con conseguenti ripercussioni sulla sicurezza stradale”.

Il Ministero ai trasporti ha reso noto che la scadenza per il cambio gomme è prorogata al 15 giugno 

Il Ministero ai trasporti ha reso noto che la scadenza per il cambio gomme è prorogata al 15 giugno. 

La scadenza del 15 maggio per la sostituzione degli pneumatici invernali con quelli estivi, a causa dell’emergenza epidemiologica, è stata spostata al 15 giugno 2020. Lo ha comunicato oggi (30 aprile) il Ministero per i trasporti