TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Coronavirus e Dpcm: una via trentina per scuola e ristorazione

Durante la conferenza stampa post giunta, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti ha spiegato che sono in corso approfondimenti per consentire un maggior respiro sia sul fronte della didattica come pure su quello di attività economiche quali ristoranti e bar.

"Premesso che ogni decisione è stata finora presa sulla base di una 'diagnosi' continuamente aggiornata della situazione epidemiologica da parte dei nostri esperti sanitari - ha detto Fugatti - abbiamo ragione di ritenere che per il momento in Trentino possono continuare le lezioni a scuola così come fatto finora, senza applicare la didattica a distanza e continuando ad osservare tutte le misure di sicurezza finora adottate. Miglioreremo ulteriormente il servizio del trasporto scolastico, con l'obiettivo di diminuire la portata degli autobus, tenuto conto però che stiamo facendo il massimo con i mezzi pubblici e privati disponibili".

"Analizzando il Dpcm - ha quindi aggiunto il presidente che ha dato conto anche di un confronto con la Provincia di Bolzano - ritieniamo possano esserci margini per consentire di tenere aperti ristoranti fino alle 22 ed i bar fino alle 20 anziché le 18 previste dal decreto nazionale. Abbiamo posto particolare attenzione ai protocolli sanitari e non c'è ragione di non ritenerli efficaci a cena, se per il pranzo vanno bene. Oltretutto già ieri, assieme agli altri presidenti di Regione, abbiamo fatto presente al Governo che precludere il pasto serale significa di fatto costringere alla chiusura la maggior parte degli esercizi".
Il presidente è intervenuto inoltre sul tema delle aperture degli impianti sciistici. "Prendiamo atto con soddisfazione che le nostre osservazioni sono state recepite dal Governo, che in una prima bozza prevedeva da subito la chiusura. Ora c'è una mediazione ragionevole che ci vede già impegnati con le altre regioni simili alla nostra per adottare specifici protocolli che possano consentire di svolgere le attività in sicurezza. Naturalmente se la curva dei contagi non dovesse imporre ulteriori restrizioni".

Bando manager: investire nel capitale umano delle imprese per tornare a crescere

Cogliere in questo delicato momento un’opportunità per superare la crisi e ricominciare a crescere, digitalizzando la propria impresa e proiettandola verso i mercati internazionali. La Provincia autonoma di Trento promuove, insieme a Trentino Sviluppo, il nuovo bando “Interventi a sostegno dell’assunzione di manager aziendali specializzati in ambito innovazione, digitalizzazione e internazionalizzazione per il contenimento dell’emergenza sanitaria Covid19 e per la promozione della competitività del sistema Trentino”. L’iniziativa, approvata oggi dalla Giunta provinciale, è rivolta alle piccole e medie imprese con sede legale e/o operativa in provincia di Trento e riguarderà la copertura del 50 per cento delle spese per l’assunzione di manager con esperienza almeno quinquennale nell’ambito del progetto presentato. Il bando resterà aperto per un anno, fino al 30 novembre 2021, con modalità “a sportello”: le domande saranno quindi accolte fino a esaurimento fondi. La misura è per ora finanziata con 500 mila euro ma la Provincia potrà valutare di incrementare le risorse disponibili nel corso del 2021 in base alla risposta delle imprese. Maggiori informazioni sul sito “ripartitrentino” e sul portale trentinosviluppo.it.

Contributi per le imprese dell'autotrasporto: al via la presentazione delle domande

Fino alle ore 15.00 del prossimo 16 novembre le imprese operanti nel settore dell’autotrasporto potranno presentare domanda per i contributi provinciali previsti per coloro che si impegnano a salvaguardare l’occupazione a seguito dell’emergenza economico-sanitaria da COVID-19. Come per le altre misure messe in campo per sostenere la ripresa del Trentino, la domanda dovrà essere presentata esclusivamente attraverso un’apposita piattaforma informatica, disponibile nella sezione “Contributi per le imprese di autotrasporto” del sito #RipartiTrentino.

La Provincia, con l’obiettivo di sostenere il settore dell’autotrasporto, ha adottato recentemente la disciplina che prevede la concessione di contributi, a fondo perduto, per il pagamento dei salari di un numero di addetti di cui viene evitato il licenziamento a causa dell’epidemia COVID-19 e rispetto ai quali l’impresa si impegna a mantenere il posto di lavoro per un periodo di almeno 24 mesi.

Tale impegno al mantenimento dei posti di lavoro deve derivare dalla stipula di un accordo sindacale, perfezionato prima della presentazione della domanda di contributo.

#Ripartitrentino: online il nuovo portale dei contratti pubblici

Da oggi è online il nuovo portale dei contratti pubblici. Nel portale si trovano le procedure di gara delle amministrazioni provinciali, gli aggiornamenti, la normativa e i servizi dedicati a chi opera nel settore dei contratti pubblici.

Un nuovo portale (https://contrattipubblici.provincia.tn.it/) fortemente voluto per facilitare il lavoro quotidiano di chi opera nel settore dei contratti pubblici, perché la ripartenza è anche frutto di semplificazione e facilitazione nell’accesso ai dati, agli atti e ai servizi della pubblica amministrazione.

Quindi non un semplice restyling del vecchio sito web, ma la creazione di un luogo virtuale nuovo e unico nel quale sono raccolte tutte le informazioni e i servizi dedicati a chi opera nel settore dei contratti pubblici.

Il portale è stato progettato per offrire già in homepage la massima visibilità dei contenuti e dei servizi, raggiungibili attraverso una navigazione semplice e intuitiva anche per gli utenti meno esperti.

In particolare gli operatori economici dalla homepage del sito potranno accedere direttamente al sistema di e-procurement provinciale e consultare liberamente tutti gli atti di programmazione, i bandi di gara, i dati e gli atti relativi ai contratti aggiudicati dalle amministrazioni provinciali.

Per le pubbliche amministrazioni l’homepage riporta gli accessi ai servizi loro dedicati quali SICOPAT, “L’Esperto risponde”, alla formazione specifica in materia di contratti pubblici, alla modulistica e al sistema di e-procurement.

Per tutti gli utenti sono resi disponibili e liberamente consultabili tutti gli atti normativi, regolamentari, le circolari e le linee guida di settore.

Attraverso le sezioni “news” e “ultimi documenti inseriti” è garantita agli utenti la massima visibilità degli aggiornamenti di settore e il monitoraggio degli atti di interesse caricati sul portale.

Il progetto del nuovo portale si colloca nell’ambito di quelle misure di semplificazione cui la pubblica amministrazione deve tendere per facilitare l’attività degli operatori del settore, siano essi pubblici o privati. Inoltre, il nuovo portale assicura il raggiungimento degli obiettivi di pubblicità e trasparenza favorendo l’accesso ai dati e agli atti della pubblica amministrazione a favore della massima partecipazione degli operatori economici alle procedure di gara.