TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Fondi europei, finanziamenti per l'occupazione e il territorio

La Giunta ha approvato due avvisi FSE per l’occupazione. L’avviso FESR servirà invece per aumentare la sicurezza del territorio.

 

Continua il lavoro dell’amministrazione per la promozione di progetti finanziabili con fondi europei, riferisce la direttrice della Ripartizione Europa Martha Gärber. Il Fondo Sociale Europeo - FSE offre due avvisi pubblici indirizzati alle aziende che assumono giovani laureati e soggetti svantaggiati.

Due milioni per l’assunzione di giovani laureati

Questo avviso mira a sostenere l’assunzione di giovani laureati nell’ambito della strategia "Europa 2020", nella consapevolezza che il rafforzamento dell’occupabilità dei giovani rappresenta una leva strategica per la crescita, ma anche la modalità più efficace di contrasto dei rischi di esclusione e di marginalità sociale. "In condizioni come le nostre, di piena occupazione e al contempo di mancanza di forza lavoro qualificata, sappiamo di dover pubblicare bandi mirati per poter ottenere dal territorio la massima risposta possibile" ha commentato il presidente della Provincia Arno Kompatscher. In questo modo l’aumento del grado di professionalità dei giovani laureati ha anche l’obiettivo di valorizzare le specificità dell’economia locale, potenziando il capitale umano dei giovani attraverso l’espansione delle opportunità lavorative favorendo un migliore incontro tra domanda e offerta di lavoro in termini di qualifiche e capacità tecnico-professionali, rafforzare la cooperazione tra istruzione e imprese per agevolare il passaggio dall’istruzione al lavoro, promuovere tirocini in settori economici chiave e più innovativi, favorire la mobilità dei giovani in cerca di lavoro. I mezzi finanziari di questo avviso ammontano a 2 milioni di euro composti per il 50% da fondi UE del FSE, per il 35% da fondi statali e per il 15% da fondi provinciali.

Quattro milioni per l’assunzione di persone svantaggiate

Questo avviso ha come obiettivo il sostegno all’occupabilità e all’inserimento lavorativo di fasce di popolazione di particolare vulnerabilità nell’ambito della società. Per limitare il rischio di emarginazione sociale e sul posto di lavoro sono destinati fondi alle imprese che assumono proprio questa categoria di soggetti svantaggiati."Le persone con disabilità, ad esempio, riescono più difficilmente a inserirsi nel mercato del lavoro. Ecco perché abbiamo deciso di premiare quelle aziende che assumono soggetti svantaggiati" ha chiarito Kompatscher. Per questo avviso sono disponibili risorse finanziarie per 4 milioni di euro, composti per il 50% da fondi UE del FSE, per il 35% da fondi statali e per il 15% da fondi provinciali.

"Territorio sicuro", disponibili 7,5 milioni

Il programma operativo "Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione" del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale – FESR è già in stato avanzato di attuazione: il quarto avviso rivolto a strutture interne della pubblica amministrazione per la presentazione di progetti nell’ambito dell’asse 4 "Territorio sicuro" ha come scopo specifico la riduzione del rischio idrogeologico e di erosione del territorio alpino. Questo obiettivo dovrà essere perseguito attraverso la realizzazione di due tipi di azioni: interventi di messa in sicurezza e per l’aumento della resilienza dei territori più esposti a rischio idrogeologico e di erosione del territorio alpino e l’integrazione e lo sviluppo di sistemi di prevenzione multirischio, anche attraverso meccanismi e reti digitali interoperabili di allerta precoce. Con la delibera approvata oggi l’Agenzia per la Protezione civile e l’Ufficio geologia e prove materiali sono chiamati a presentare progetti per l’attuazione dell’asse prioritario "Territorio sicuro". Questo quarto invito prevede un budget di 7,5 milioni di euro composto per il 50% da  fondi UE del FESR, per il 35% da fondi statali e per il 15% da fondi provinciali. La percentuale di finanziamento è del 100% dei costi totali ammissibili del progetto. "A fronte del cambiamento climatico e dello scoglimento del permafrost anche il nostro territorio va incontro sempre più spesso a fenomeni idrogeologici estremi, che gli interventi finanziati con i fondi europei intendono limitare al massimo" ha concluso il presidente.