Logo
Print this page

Camera di commercio: i divieti di transito per mezzi pesanti danneggiano gli operatori altoatesini

Il Tirolo prevede per i mezzi pesanti modifiche al divieto di circolazione notturno, al divieto di transito settoriale e ai divieti per classi euro. Le misure in programma danneggerebbero negativamente l’economia altoatesina limitando la mobilità. La Camera di commercio di Bolzano si batte invece per tratte di accesso efficienti per la Galleria di Base del Brennero, l’ampliamento della tratta ferroviaria esistente e terminal intermodali lungo il corridoio del Brennero.

Il Governo del Tirolo ha presentato il nuovo piano di misure da attuare in caso di superamento dei valori limiti nell’aria, finalizzate alla riduzione delle emissioni. La Camera di commercio di Bolzano critica soprattutto i divieti previsti dal programma che limitano la libera circolazione delle merci all’interno dell’UE, violando i trattati internazionali. Essa si dichiara tuttavia sempre disposta a uno scambio con il Governo tirolese e alla presentazione di proposte che prevedono misure a medio termine e che interessano anche il traffico su rotaia.

La tutela dell’ambiente rimane sempre un obiettivo importante. Pertanto ha priorità la ricerca di un equilibrio tra la salvaguardia della sostenibilità e lo sviluppo economico. È necessario adottare un approccio innovativo: i divieti, infatti, non riducono il traffico, ma lo rendono solamente meno efficiente producendo costi e inquinamento aggiuntivi, e pertanto non sono una soluzione nel lungo periodo.

“Occorrono provvedimenti che puntino a una mobilità economicamente sostenibile e rispettosa dell’ambiente, ad esempio attraverso l’introduzione di un sistema di premialità che permetta il rinnovo del parco veicoli nell’ottica della sostenibilità e della sicurezza”, dichiara Alfred Aberer, Segretario generale della Camera di commercio di Bolzano.

In particolare, l’estensione del divieto settoriale in Tirolo e l’applicazione dello stesso a veicoli della classe euro 6 a partire dal 1° agosto 2019 sarebbero una limitazione significativa. Solo quando sarà attiva una linea ferroviaria efficiente (quindi con l’apertura della Galleria di Base del Brennero) si potrà introdurre un divieto settoriale per determinate merci per le quali il trasporto ferroviario è più efficiente.

La Camera di commercio ritiene inoltre che anche la prevista introduzione del divieto di transito notturno per veicoli euro 6 in territorio austriaco sia una norma “miope” che non tiene in considerazione le ripercussioni negative sul traffico diurno.

“La disparità di trattamento prevista per il traffico di merci in transito rispetto a quello con origine e/o destinazione in Tirolo è scorretta. Una tale decisione porta a una discriminazione degli operatori economici di aree al di fuori del Tirolo (delle province e paesi limitrofi) e svantaggia i rispettivi scambi”, sottolinea il Presidente della Camera di commercio, Michl Ebner.

Misure concrete da attuare sia da parte italiana che da quella austriaca per promuovere l’intermodalità sono, secondo la Camera di commercio, l’accelerazione della costruzione delle tratte di accesso a nord e sud, in modo che all’apertura della Galleria di Base del Brennero si possano sfruttare tutte le capacità del Corridoio del Brennero, il miglioramento della linea ferroviaria esistente e la costruzione di terminal intermodali efficienti lungo il Corridoio.

FaLang translation system by Faboba
© 2014 CNA-SHV service soc. coop – via Righi 9, Bolzano – Reg.Impr.-C.Fisc.-P.Iva 01055580219 – Reg.Prov.Coop.N.A145544 – PEC cnashvservice.bz@cert.cna.it