TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Ricerca e innovazione, un Piano per l’Alto Adige di domani

Più sostegno per le imprese, potenziati gli scambi internazionali per ricercatori, nuovi laboratori al NOI Techpark: queste le misure approvate ieri (9 maggio) dalla Consulta per la ricerca.

 

Più risorse per le imprese, rafforzamento degli scambi internazionali per ricercatori e istituzioni, nuovi laboratori al NOI Techpark: guardano al futuro le misure del Programma provinciale 2019 per la ricerca e l’innovazione che ieri (9 maggio) sono state discusse nella riunione annuale della Consulta per la ricerca e l’innovazione nominata a marzo.

Ricerca, nuovi finanziamenti per gli studi all’estero

Le misure concrete per l’Alto Adige di domani riguardano l’espansione del NOI Techpark come campus dell'innovazione, sedi dell’istituto di biomedicina di Eurac e della nuova facoltà di Ingegneria di unibz, lo sviluppo di competenze per l’innovazione, il fondo per la ricerca. "Da quest’anno abbiamo scelto di sostenere anche soggiorni di studio e ricerca all’estero di breve durata. Vogliamo così integrare la Nuova strategia per la ricerca – finanziata con 4 milioni di euro anche nel 2019 – per fare dell’Alto Adige un polo internazionale dell'innovazione. Le nostre politiche sempre più avranno come filo conduttore i temi della sostenibilità, del cambiamento climatico e il megatrend "salute" in linea con quanto stabilito nel nostro "Patto per l'Alto Adige" stabilito nella nostra clausura di Giunta" ha spiegato il presidente della Provincia.

Imprese, finanziamenti record nel 2018

Da quest’anno alla Consulta partecipano i responsabili dei progetti del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) grazie al quale dal 2015 a oggi sono stati destinati 32 milioni di euro che hanno finanziato 59 progetti. Focus anche sulle imprese private, che l’anno scorso hanno fatto registrare un record di richieste di aiuto: 255 domande per oltre 60 milioni di euro investimenti sul territorio - dei quali 17,3 finanziati dalla Provincia. "Il bando 2018 per la capitalizzazione delle imprese innovative, cui hanno risposto 15 aziende e che verrà riproposto nel 2019, ha avuto un ottimo successo" spiega il direttore della Ripartizione innovazione, ricerca e università Vito Zingerle.

I nuovi laboratori del NOI

Il luogo simbolo dell’integrazione fra ricerca e imprese è il NOI Techpark, che oggi ospita 70 aziende e 30 laboratori, con una nuova sede a Brunico per l’automotive operativa dal 2021. "Il via libera ai due nuovi moduli di espansione, tre nuovi laboratori nel 2019 (Agroforestry Innovation, Bioenergy & Biofuel, Field Robotics) e la nuova facoltà di Ingegneria di unibz sono i segni di una realtà che si sviluppa grazie al contributo di imprese e enti di ricerca del territorio” ha chiarito Ulrich Stofner, direttore del Dipartimento Europa, sport, innovazione e ricerca.