TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Centralità dell’Albo Gestori Ambientali sulla tracciabilità dei rifiuti

Non solo una giornata di studio per qualificare il sistema territoriale della CNA e delle altre organizzazioni di Rete Imprese Italia che, insieme, hanno promosso l’evento, ma soprattutto un momento di confronto per valorizzare lo spirito di collaborazione che da oltre 20 anni esiste con l’Albo Gestori Ambientali. All’Albo, infatti, nel tempo è stato da sempre riconosciuto un positivo lavoro ed ha rappresentato una garanzia di razionalizzazione ed uniformità normativa su tutto il territorio nazionale.

In tale ottica, nel corso del seminario sono stati affrontati temi importanti per le imprese del settore, come il ruolo del responsabile tecnico che, grazie alla nuova disciplina di compiti e responsabilità definita dall’albo potrà rappresentare nel tempo una figura sempre più a supporto dell’impresa nella gestione della propria attività, secondo i principi di tutela dell’ambiente.

Si è discusso inoltre di un tema su cui la CNA da sempre è impegnata a sostegno delle imprese, quello della tracciabilità dei rifiuti. Si è delineato in questi mesi un ruolo sempre più attivo dell’Albo nella definizione del nuovo sistema che dovrà sostituire il vecchio “odiato” SISTRI.  Un ruolo che ad avviso della CNA è fondamentale perché delinea finalmente una connotazione istituzionale alla tracciabilità dei rifiuti e, al contempo, consente di sfruttare competenze e strumenti su cui l’Albo vanta riconosciute eccellenze. E’ una sfida importante che deve necessariamente avere esito positivo ed in questo il coinvolgimento delle Confederazioni è fondamentale.

L’Albo Gestori è stato istituito nel 2006 ed ha sostituito l’Albo nazionale gestori rifiuti. L’Albo è costituito presso il Ministero dell’ambiente ed è articolato in un comitato nazionale e in sezioni regionali e provinciali con sede presso le Camere di commercio dei capoluoghi di regione e delle province autonome di Trento e Bolzano. Il Comitato nazionale e le sezioni regionali e provinciali sono interconnessi dalla rete telematica delle Camere di commercio.