TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

COVID-19 Sussidi provinciali, le piccole imprese devono dotarsi di SPID o dare delega a CNA-SHV. Portale già consultabile

Le piccole imprese per poter presentare nel minor tempo possibile le domande di sussidio per il Coronavirus devono dotarsi dell’identità digitale (SPID) oppure dare apposita delega a CNA-SHV che può presentare le istanze con i propri operatori autorizzati.

L’ Amministrazione provinciale sta lavorando per realizzare, nel più breve tempo possibile, le misure di sostegno per le imprese e le aziende in questo momento di difficoltà per il Coronavirus. Mentre la Giunta provinciale ha approvato un accordo con le banche, la Ripartizione economia della Provincia esorta le piccole imprese, sino a 5 dipendenti, a dotarsi dell’ identità digitale SPID (Sistema pubblico di identità digitale) per poter presentare le domande per i sussidi, i cosiddetti contributi a fondo perduto da 3.000 a 10.000  euro.  

Le piccole imprese vengono anche invitate ad iscriversi, attraverso la piattaforma myCivis, allo SPID al relativo servizio oppure ad incaricare le rispettive associazioni imprenditoriali se hanno intenzione di presentare la richiesta di contributi a fondo perduto.

Le deleghe per le domande del sussidio provinciale possono essere fatte con delega alla CNA-SHV firmando un modulo cartaceo e allegando la copia della carta di identità. Il modulo si trova sul portale myCivis. 

Una volta in possesso dello SPID o tramite CNA-SHV le imprese possono accedere ai servizi digitali, ai servizi di E-Government dell’Amministrazione provinciale ed attraverso la piattaforma myCivis nella Rete civica presentare le  loro domande online in maniera semplice e rapida. Le domande possono essere presentate dal rappresentante legale dell’impresa ma anche da una persona appositamente delegata.

Per la presentazione delle domande sarà necessario attendere ancora qualche giorno quando sarà disponibile un apposito portale.

Intanto tutte le informazioni sui criteri, sull'importo e sulle modalità è possibile consultare il seguente portale

Sussidi piccole imprese a seguito dell'emergenza COVID-19

Descrizione generale

La Ripartizione Economia invita tutte le piccole imprese, con un massimo di cinque dipendenti, a dotarsi di una propria identità digitale (SPID) al fine di poter presentare le domande per i sussidi (contributi a fondo perduto) previsti dai provvedimenti relativi alla crisi causta dal COVID-19.

Una volta in possesso dello SPID, le aziende possono effettuare le richieste online attraverso la piattaforma myCivis. Le domande possono essere presentate dal legale rappresentante della società o da una persona delegata a farlo. In tal caso, è necessario creare una delega nell'area personale (Il mio profilo) myCIVIS.

Settori interessati dal provvedimento: Artigianato, Industria, Commercio, Servizi, Turismo.

Beneficiari: Liberi professionisti, lavoratori autonomi, imprese individuali, società di persone o di capitale che svolgono una attività in provincia di Bolzano, che:

  1. hanno iniziato l’attività prima del 23 febbraio 2020;
     
  2. hanno raggiunto nell’ultimo esercizio finanziario disponibile un reddito imponibile massimo di 50.000,00 €. 70.000,00 € per società con più di 1 socio e imprese famigliari (*vedi specifica sotto);
     
  3. hanno raggiunto un fatturato minimo di 10.000,00 € nell’ultimo esercizio finanziario disponibile;
     
  4. hanno impiegato nel 2019 fino a un massimo di cinque addetti a tempo pieno (espressi in unità lavorative/anno – ULA - complessivi dell’impresa richiedente. Comprende i dipendenti dell’impresa, le persone che lavorano per l’impresa, i proprietari gestori e soci che svolgono un’attività regolare nell’impresa. Dal computo sono esclusi gli apprendisti).

*Specifica del soprastante punto 2:

  • Per imprese individuali, liberi professionisti o lavoratori autonomi, alla somma dei redditi imponibili di cui ai relativi quadri per la determinazione del reddito derivanti dalle attività continuative quale libero professionista o d’impresa (Quadri RG, RE, RF e LM).
  • Per le società, al reddito imponibile, cui devono essere aggiunti i compensi Co.co.co. dei soci, che in sede di determinazione del reddito erano stati portati in detrazione.
  • Per imprese che hanno iniziato l’attività nel corso del 2019, viene calcolato sulla base di una stima.

Condizioni:

  • Un calo del fatturato di almeno il 50 per cento nel mese di marzo, aprile o maggio 2020, rapportato allo stesso periodo dell’anno precedente. Il sussidio dovrà essere restituito, maggiorato degli interessi, se in tutto l`anno 2020 non si sarà verificato un calo di fatturato di almeno il 20%.
     
  • Il fatturato è definito come la somma delle fatture, delle ricevute, dei compensi e degli incassi giornalieri emessi, indipendentemente dall’incasso dei relativi importi.
     
  • Per richiedenti che hanno iniziato l’attività nel 2019 non è richiesta la dimostrazione del calo di fatturato. Devono però aver raggiunto un fatturato medio di almeno 1.000,00 € per ogni mese di attività fino alla fine di febbraio 2020.

Presupposti d'accesso

Il servizio online può essere utilizzato dal rappresentante legale di un'azienda o da una persona autorizzata esclusivamente con SPID. 

Tutte le informazioni su SPID si trovano in myCIVIS.  

Per fare la richiesta di delega, la persona incaricata deve avere un SPID personale e utilizzarlo per accedere al "Il mio profilo" in myCIVIS. Dopo il login si trova la sezione "Deleghe" e tutte le ulteriori istruzioni.

Si raccomanda di richiedere subito la delega, in modo da poter utilizzare il servizio online appena disponibile.

Costi:Imposta di bollo 16,00 euro

Misura del contributo:

  • 3.000,00 € per richiedenti che hanno iniziato l’attività nel corso del 2019;
  • 5.000,00 € per richiedenti che nel 2019 hanno impiegato fino a due addetti;
  • 7.500,00 € per richiedenti che hanno impiegato nel 2019 più di due e fino a quattro addetti;
  • 10.000,00 € per i richiedenti che hanno impiegato nel 2019 più di quattro e fino a cinque addetti.