TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Legge di bilancio statale, ecco tutte le novità e i bonus per l'edilizia

Il superbonus esteso - Art. 1, commi 66-69

La principale novità della manovra è proprio il potenziamento del superbonus, con la proroga "breve" al 30 giugno del 2022, condizionata all'avanzamento del 60% sullo stato avanzamento lavori. Per gli immobili Iacp la proroga è invece "piena", cioè al 31 dicembre 2022. La norma, tuttavia non è chiarissima in tutte le implicazioni che ne discendono. Nel perimetro dell'agevolazione viene inclusa la coibentazione del tetto e l'eliminazione delle barriere architettoniche anche nel caso siano effettuati in favore di ultrasessantacinquenni. L'opzione per la cessione o per lo sconto viene prorogata a tutto il 2022. In risposta all'allarme dei costruttori sulla incapacità degli enti locali di fronteggiare la gestione tecnica delle pratiche si concede ai comuni di assumere, nel 2021, personale tecnico a tempo determinato e a tempo parziale per massimo un anno, non rinnovabile. Quanto alle risorse, gli enti locali potranno provvedere con risorse proprie cui si aggiungono 10 milioni da assegnare con Dpcm anche in base alle richieste.

Arriva il bonus "rubinetti" - Art. 1, commi 61-65

Confermato il bonus idrico fino a mille euro per richiedente, a valere su un fondo apposito di 20 milioni gestito dal ministero dell'Ambiente. L'agevolazione scade il 31 dicembre 2021 e rende possibile la sostituzione di rubinetti, soffioni e impianti di scarico. Le modalità di utilizzo saranno precisate da un Dm Ambiente (entro 60 giorni).

Bonus ristrutturazioni e ecobonus, proroga al 2021 - Art. commi 58-59

L'ecobonus del 65% e il bonus ristrutturazioni del 50% guadagnano un altro anno di vita. La manovra proroga entrambi i benefici fino al 31 dicembre 2021.

Bonus mobili, sale il tetto di spesa- Art. 1, comma 58 lettera b)

Chi ristruttura casa nel 2021 potrà beneficiare di un bonus per l'acquisto di mobili e arredi più conveniente. La spesa per accedere al credito d'imposta del 50% per l'acquisto di mobili sale infatti da 10mila a 16mila euro.

Bonus verde, prorogato di un altro anno- Art. 1, comma 75

Esteso al 2021 anche il bonus "verde". L'agevolazione che consente di detrarre fino al 36% della spesa massima di 5mila euro - cioè 1.800 euro - per interventi di sistemazione di aree verdi scoperte e giardini pensili sulle parti private e condominiali.

Bonus facciata, proroga al 2021 - Art. 1, comma 59

Anche il bonus facciata del 90% guadagna un altro anno di vita. L'agevolazione viene estesa anche al 2021.

Nel bonus ristrutturazioni anche i gruppi elettrogeni - Art. 1, comma 60

Nel perimetro del bonus ristrutturazioni vengono inclusi anche i gruppi elettrogeni. La misura della manovra prevede infatti che la detrazione (50% fino a un massimo di spesa di 48mila euro) «anche per interventi di sostituzione del gruppo elettrogeno di emergenza esistente con generatori di emergenza a gas di ultima generazione».

Ex-Iacp e Aziende casa, un milione per servizi tecnici - Art. 1, comma 71

In vista degli adempimenti tecnici per l'attuazione del superbonus, la manovra stanzia un "cip" per aiutare aziende casa ed ex-Iacp ad affidare all'esterno i servizi professionali. Per l'annualità 2021 viene istituito presso il Mit un fondo da un milione di euro «finalizzato a sostenere gli istituti autonomi case popolari comunque denominati, nonché gli enti aventi le stesse finalità sociali dei predetti istituti, in relazione ai costi per le esternalizzazioni relative ad attività tecnica e a prestazioni professionali previste dalla disciplina degli appalti pubblici e dalle normative vigenti in materia edilizia secondo criteri e modalità stabiliti con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti».

Nuova Sabatini, altri 370 milioni - Art. 1, commi 95-96

L'agevolazione alle imprese per l'acquisto di nuovi macchinari e attrezzature, nota come nuova Sabatini, viene rimpinguata con ulteriori 37o milioni di euro per l'anno 2021. Il contributo potrà essere erogato in un'unica soluzione (se il finanziamento non supera 200mila euro).

Un miliardo per l'esonero contributivo dei professionisti- Art. 1 commi 20-22

La manovra mette a disposizione un miliardo di euro in un apposito "Fondo per l'esonero dai contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti" in capo al ministero del Lavoro finalizzato all'esonero per il 2021 dai contributi previdenziali (con esclusione dei premi Inail) dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti con redditi fino a 50mila euro nel 2019 che hanno avuto un calo del fatturato di almeno il 33% tra il 2020 e il 2019. L'attuazione passa per "uno o più decreti" Welfare-Economia entro 60 giorni dall'entrata in vigore della legge finanziaria.

Rifinanziato il fondo di garanzia per le Pmi - Art. 1, commi 244-247

L'operatività dell'intervento straordinario in garanzia del Fondo di garanzia per le Pmi viene prorogato fino al 30 giugno 2021 per sostenere la liquidità delle imprese colpite dalla pandemia. Vengono anche incrementate le risorse a disposizione del fondo di 500 milioni per il 2022 (a valere sulle risorse del Recovery plan), un miliardo per il 2023, 1,5 miliardi nel 2024, un miliardo nel 2025 e 500 milioni nel 2026.