TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Green Pass per tutelare la salute e le attività economiche

La pandemia non è ancora sconfitta ed è necessario compiere ogni sforzo per scongiurare nuove chiusure che il Paese non potrebbe sopportare. Pertanto CNA considera il green pass uno strumento efficace per evitare che la ripresa dei contagi possa portare a nuove misure di contenimento con pesanti ripercussioni sulla vita sociale e sul sistema economico che mostra una incoraggiante traiettoria positiva che va consolidata.

Per la Confederazione il green pass può rivelarsi impopolare in alcuni ambiti e introduce nuovi oneri e responsabilità in capo agli operatori economici ma non va dimenticato che un simile strumento potrebbe favorire l’allentamento di misure restrittive che ancora oggi caratterizzano molti settori, dagli eventi alla mobilità.

CNA auspica un tavolo di confronto con il Governo per definire il campo di applicazione e modalità di funzionamento del green pass con l’obiettivo di tutela della salute dei cittadini e salvaguardia delle attività economiche.

CNA-SHV: "Ripresa del Pil altoatesino, necessario evitare altre chiusure. Le aziende hanno investito in sicurezza e prevenzione, si dia continuità alla ripartenza"

CNA-SHV accoglie con cauto ottimismo i dati del Barometro IRE della Camera di Commercio, in particolare le previsioni di crescita dei fatturati e della redditività nell’anno in corso, con il conseguente innalzamento della previsione di crescita del Pil provinciale nella forbice compresa tra +3 e + 5%, dopo un crollo del 10% nel 2020.

“Notiamo che tutti i comparti segnalano una ripresa delle entrate e della redditività aziendale – argomenta Claudio Corrarati, presidente di CNA-SHV – dalla manifattura alle costruzioni, dal commercio al turismo, dai trasporti ai servizi. Ciò dimostra che le imprese sono già ripartite o, nei settori rimasti sospesi più a lungo, sono pronte a ripartire. Adesso, però, abbiamo necessità di un piano chiaro che tuteli le aziende, poiché tutte hanno investito in sicurezza e prevenzione, rispettando le regole anche con interventi costosi: è indispensabile evitare nuove chiusure”. 

CNA-SHV: "Grandi opere a Bolzano bloccate dall'acqua. L'economia non può attendere, la politica ora decida. Raggiungibilità, traffico e consegna merci esigono risposte immediate"

“Un capoluogo sempre più annacquato, verrebbe da dire. Nel senso che l’acqua piovana paralizza il traffico, mentre la falda acquifera blocca tutte le grandi opere, pubbliche e private. Quale risposta dovremmo dare alle nostre aziende e all’economia in generale sui temi infrastrutture, viabilità, trasporto merci, raggiungibilità e tempi rapidi per gli spostamenti lavorativi? E ai cittadini che attendono nuove aree di edilizia residenziale?”. Claudio Corrarati, presidente della CNA-SHV, manifesta stupore per il dibattito degli ultimi giorni sul futuro e sugli intoppi delle tanto attese grandi opere viarie, oltre che su alcuni cantieri chiave della città e sulle aree di espansione.

Artigianato, boom nonostante la crisi: 143 nuove ditte in 5 mesi. Edilizia trainante. Corrarati (CNA-SHV): politica e mondo della formazione sostengano la crescita

Nel rapporto periodico dell’Istituto di Ricerca economica della Camera di Commercio, ormai da mesi denso di dati negativi a causa della pandemia - come il calo del 10% del Pil nel 2020, la modesta crescita prevista per il 2021, l’aumento dei disoccupati - CNA-SHV ha individuato un dato positivo: l’artigianato, da dicembre 2020 a maggio 2021, è passato da 13.994 a 14.137 imprese, sfondando il muro delle 14.000 attività artigiane.

Ottima la performance del comparto edile: tra le nuove imprese risultano 15 muratori, 7 aziende di movimento terra, 3 elettrotecnici, 19 pittori, ben 40 ditte di altri settori delle costruzioni. Crescono anche i mestieri legati ai servizi (+8), gli estetisti (+13), la manifattura (+11), i sarti (+11). In calo invece i falegnami.