TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

CNA Fita Autotrasporto: dal 15 luglio si entra in Slovenia solo con certificazione verde Covid (vaccino, guarigione o test)

CNA Fita Autotrasporto informa che il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili ha comunicato che dal prossimo 15 luglio, per fare ingresso sul territorio sloveno, sarà necessario esibire un documento che attesti l’avvenuta vaccinazione o l’esito negativo di un test (PCR 72h, HAG 48h) o l’avvenuta guarigione dal COVID 19. In caso contrario il soggetto sarà sottoposto a quarantena.

Il Governo sloveno, integrando il decreto del 12 luglio ha specificato che fino al 15 agosto si prevedono 2 eccezioni all’obbligo di quarantena anche in assenza del green pass:

  1. Nel caso di un lavoratore operante nel settore dei trasporti internazionali che, al momento dell'attraversamento della frontiera, è in possesso del Certificato per i lavoratori del trasporto internazionale (ultima pagina del file)  (di cui all'allegato 3 della comunicazione della Commissione sull'attuazione delle green lanes) compilato in tutte le sue parti.
  2. Nel caso di un lavoratore in transito che lascia la Slovenia non oltre le 12 ore dal momento dell'ingresso.

Fita, avviata con il ministro Orlando una task force per promuovere la legalità nel settore

Mercoledì 7 luglio, CNA Fita e le altre associazioni di categoria hanno incontrato il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando, per fare il punto sulle criticità del comparto dell’autotrasporto e della logistica e la costituzione di una task force che ne possa monitorare gli effetti e promuovere la legalità.

Il settore dell’autotrasporto è rappresentato da circa 90 mila imprese iscritte all’albo con 1,5 milioni di occupati e rappresenta indicativamente il 9% del Pil del Paese. Nel corso dell’anno 2020, l’ispettorato del lavoro ha effettuato 8.850 accessi ispettivi riscontrando un tasso di irregolarità di oltre il 70%.

Autotrasporto. Deduzioni Forfetarie 2021, confermati gli stessi importi dello scorso anno

L'Agenzia delle Entrate informa (https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/cs-30-giugno-2021-autotrasportatori) che sul sito Ministero dell’Economia e delle Finanze (https://www.finanze.it/it/inevidenza/Autotrasportatoriagevolazioni-fiscali-2021/) è pubblicato il comunicato stampa con il quale sono state rese note le misure delle deduzioni forfetarie a favore degli autotrasportatori per il periodo di imposta 2020.

La nota giunge a pochi giorni dalle sollecitazioni rivolte al Vice Ministro Teresa Bellanova (il 24 Giugno 2021),da parte di CNA Fita e dalle altre associazioni datoriali aderenti ad UNATRAS. Le misure agevolative relative alle deduzioni forfetarie per spese non documentate (articolo 66, comma 5, primoperiodo, del TUIR) a favore degli autotrasportatori nel 2021 sono fissate in misura pari a quelle stabilite per l’anno precedente.

CNA FITA. Cosa succede in Europa? Scopri le condizioni dell'autotrasporto

La situazione dell’autotrasporto nei Paesi UE. 

Cliccando nel rettangolo blu di seguito è possibile scaricare lo schema con le novità normative per il settore dell’autotrasporto legate al contenimento del Covid 19 nei vari Paesi dell'UE.  

N.B: In linea generale nei Paesi UE non viene richiesta per gli autotrasportatori né la quarantena né un test Covid negativo. La situazione, come si può immaginare, è in rapida e continua evoluzione e le normative possono cambiare con pochissimo preavviso. È consigliabile, ogni qualvolta si debba affrontare un viaggio transfrontaliero, consultare la pagina dell’Ambasciata italiana del Paese di riferimento. All’interno del file è possibile trovare il link alle pagine con le info Covid di ciascuna Ambasciata.

La situazione dell'autotrasporto nei Paesi UE