TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

USO DEL CRONOTACHIGRAFO, FORMAZIONE ANCHE IN AZIENDA

La formazione dei dipendenti sull'utilizzo del cronotachigrafo, obbligatoria per le aziende di autotrasporto, può essere effetuata da appositi enti di formazione, ma anche dal gestore dei trasporti della stessa azienda, che ha nel suo percorso formativo le competenze previste. Lo precisa la Cna-Fita dell'Alto Adige. 

CNA-FITA: NOVITÀ SU APNEE NOTTURNE E DIVIETI AUSTRIACI

CNA-FITA informa che la Gazzetta Ufficial enumero 9 del 13 gennaio 2016 ha pubblicato il decreto del 22 dicembre 2015 che recepisce la direttiva comunitaria sui limiti al rilascio  e rinnovo della patente di guida per la sindrome delle apnee ostruttive del sonno.

CABOTAGGIO ILLEGALE, INDAGINE DEI VIGILI SU SEGNALAZIONE FITA

Cabotaggio illegale, indagine dei vigili urbani

Cna-Fita ha segnalato una motrice sospetta che sostava da giorni sull’arginale

 

I vigili urbani di Bolzano sono intervenuti, su segnalazione della Cna-Fita, avviando un’indagine per presunto cabotaggio illegale da parte di autotrasportatori dell’Est europeo.

Il caso era stato segnalato poco prima di Natale alla Polizia municipale. “In quei giorni avevo notato - spiega Piero Cavallaro, responsabile Cna-Fita del Trentino Alto Adige - la presenza di un trattore stradale, ovvero una cabina motrice per Tir, con targa bulgara, parcheggiato nell’area a ridosso del fiume Isarco, sulla rampa di accesso da ponte Roma verso l’arginale. Ho atteso qualche giorno per verificare l’evolversi della situazione, poi ho segnalato ai vigili urbani che poteva trattarsi di un mezzo pesante utilizzato per cabotaggio illegale”.

Il fenomeno è molto diffuso in tutta Italia, ma trova particolare diffusione in Trentino Alto Adige, territorio di transito tra il Centro Europa e il Mediterraneo, sede di molte aziende di import/export con mercato in tutto il Paese. “Ogni vettore estero – chiarisce Cavallaro – ha la possibilità di trasportare merci con provenienza e destinazione in Italia per un numero limitato di viaggi e di giorni di presenza sul territorio. Se supera i limiti, diventa cabotaggio illegale, che va a scapito delle nostre piccole aziende di trasporto perché, violando le regole, tante  aziende, anche ben strutturate e soprattutto dell’Est europeo, riescono a  praticare prezzi molto bassi. Purtroppo non mi sbagliavo. L’intervento dei vigili urbani è stato rapido, due giorni fa la motrice è sparita. Abbiamo concordato con la Polizia municipale l’opportunità di una maggior sorveglianza del territorio cittadino, anche grazie alle segnalazioni che Cna-Fita raccoglierà e inoltrerà  su indicazione dei propri associati, per fermare questa pratica fuorilegge che penalizza le Pmi oneste e rispettose delle regole”.