TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

L’autotrasporto a caccia di nuove leve: 15mila nei prossimi anni

Una naturale camera di compensazione tra interessi settoriali e pubblici, per individuare soluzioni alle criticità e avviare azioni per migliorare la professione del trasportatore di merci su strada. Con l’obiettivo di rendere appetibile alle nuove generazioni un settore che nei prossimi anni sarà in grado di assorbire 15mila nuovi autisti. Questa la visione che il presidente nazionale di CNA Fita, Patrizio Ricci, ha del Comitato centrale per l’albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche degli autotrasportatori (in rappresentanza delle Associazioni di categoria), di cui è stato eletto vicepresidente con la totalità dei consensi.

Mezzi pesanti, CNA Fita critica il nuovo Codice della strada: "No alla riduzione di peso dei trasporti eccezionali, poco contro l'abusivismo"

È negativo il giudizio di CNA Fita Trentino Alto Adige sulle proposte di modifica al Codice della strada previste per i mezzi pesanti. “Ciò che emerge e lascia perplessi – afferma Piero Cavallaro, referente regionale di CNA-Fita - è l’assenza di una visione d’insieme, che possa fare da bussola a modifiche equilibrate, in grado di coniugare innovazione e sicurezza, riforma organica del mercato e situazioni consolidate, oltre a liberalizzazioni e legalità”.

Autobrennero, la Commissione Europea promuove il progetto BrennerLec

Viaggiare inquinando meno, in maggior sicurezza e senza ritardi. È l’obiettivo di BrennerLec, progetto che vede Autostrada del Brennero SpA nel ruolo di coordinatore e che si inserisce nel programma Life della Commissione Europea. A due anni dal suo avvio, venerdì si è svolta la visita di monitoraggio. Più che positivo il giudizio del Project Officer di BrennerLec, Mario Lionetti: “Autostrada del Brennero sta lavorando molto bene su un tratto autostradale particolarmente significativo per l’intera rete europea. Il progetto può servire da esempio per migliorare la qualità dell’aria che noi tutti respiriamo”.