TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

CNA-SHV propone la modifica dei criteri per i finanziamenti provinciali a fondo perduto alle piccole imprese

CNA-SHV ha inviato oggi, 23 aprile 2020, una  lettera all'assessore provinciale all'Economia, Philipp Achammer, per chiedere la possibilità di estendere i criteri del provvedimento alle imprese fino a 10 collaboratori, calcolati con la metodologia già applicata (che attualmente prevede 5 collaboratori), e di rivedere il limite di reddito per le società e le imprese familiari.

Tutto questo per non creare pericolose e ingiustificate discriminazioni in questo delicato momento di difficolta per il mondo economico.

#AltoAdigesiriparte: sovvenzioni provinciali alle piccole imprese. Richieste da martedì 21 aprile e entro il 30 settembre anche tramite CNA-SHV

Da oggi pomeriggio 21 aprile le piccole imprese possono fare richiesta di contributi alla Ripartizione Economia. Attese circa 20.000 richieste. Le istanze si possono presentare anche tramite CNA-SHV. 
Contatta Antonella Bellante inviando un'e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Si parte dal 21 aprile con le richieste di contributo per le imprese: liberi professionisti e lavoratori autonomi, imprese unipersonali ma anche società di persone e capitali con un'attività di artigianato, commercio, servizi o alberghiera, così come affittacamere privati, possono presentare domanda di contributo tramite attraverso la propria identità digitale SPID. Obiettivo di questo sostegno dalla procedura agevolata è quello di aiutare gli autonomi e le piccole imprese a superare questo momento di crisi. Coloro che a causa della crisi del nuovo coronavirus ha avuto un crollo del fatturato può ora contare sul sostegno della Provincia per coprire almeno in parte la quota delle proprie spese corrent. In questo modo, prosegue Achammer si può garantire una minima entrata mettendo al sicuro i posti di lavoro. Hanno diritto al sostegno tutti coloro che a causa del coronavirus hanno derivato un crollo del fatturato di almeno il 50% per la propria attività che deve aver avuto inizio prima del 23 febbraio 2020.

Attese 20.000 richieste. Stress-test nella notte

La Ripartizione Economia si aspetta circa 20.000 richieste. Per questa ragione nella notte fra ieri e oggi è stato condotto un cosiddetto stress-test che ha avuto esito positivo. Le richieste di contributo devono essere presentate entro il 30 settembre 2020. Le richieste vanno presentate dal legale rappresentante dell’impresa, ma anche da una persona delegata. A questo scopo è necessario attivare una delega nella sezione personale "Il mio profilo" sul portale myCIVIS. E' inoltre necessario disporre di un' identità digitale (SPID). Ulteriori informazioni e una panoramica delle misure di sostegno provinciali sono consultabili sul portale web provinciale #AltoAdigesiriparte.

Per poter intervenire si è resa necessaria la modifica alla legge provinciale del 1997 “Interventi della Provincia autonoma di Bolzano per il sostegno dell’economia”, prevedendo in particolare  la possibilità di attivare specifiche agevolazioni in situazioni di emergenza e di crisi economica. 

Hanno diritto alle sovvenzioni lavoratori autonomi, liberi professionisti, imprese individuali ma anche società di capitali attive in tutti i settori economici, dall'artigianato al commercio, dai servizi all'industria, dal turismo all'agricoltura. 

Hanno diritto alle sovvenzioni tutte quelle realtà economiche che a causa della crisi dovuta dall’epidemia hanno avuto una riduzione del fatturato superiore al 50 per cento e hanno interrotto o ridotto le attività. Per poter accedere alle sovvenzioni è anche necessario che il lavoratore autonomo o l’impresa lo scorso anno abbiano avuto un reddito imponibile o un fatturato superiore ai 10.000 euro. Le imprese non possono avere più di cinque dipendenti senza però considerare gli apprendisti. Per chi ha iniziato l’attività nel 2019 sarà richiesto un fatturato mensile medio di 1.000 euro fino a fine febbraio 2020.

Le richieste per le sovvenzioni devono essere presentate entro il 30 settembre 2020. Nelle scorse settimane la Ripartizione economia della Provincia ha esortato le piccole imprese fino a 5 dipendenti a dotarsi dell’identità digitale SPID (Sistema pubblico di identità digitale) per poter presentare velocemente le richieste per le sovvenzioni.

Per presentare le richieste, si può dare anche delega alla CNA-SHV.

Le domande possono essere presentate dal rappresentante legale dell’impresa ma anche da una persona appositamente delegata. Tutte le informazioni necessarie sono reperibili nella nuova pagina dedicata 

#AltoAdigesiriparte

I criteri ed i moduli sono disponibili alla sequente pagina

http://www.provincia.bz.it/it/servizi-a-z.asp?bnsv_svid=1036124
 
Contatta Antonella Bellante inviando un'e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

COVID-19 - La Giunta provinciale approva altre misure a sostegno dell'economia

Moratoria del pagamento per le rate del fondo di rotazione, semplificazioni burocratiche e prolungamento delle scadenze: queste le misure della delibera approvata oggi (15 aprile) dalla Giunta.

Il primo accordo quadro per un ampio piano di aiuti a economia, famiglie e imprese per far fronte alle conseguenze dell'epidemia da nuovo coronavirus era stato adottato dalla Giunta provinciale lo scorso 31 marzo. Uno dopo l'altro vengono ora compiuti anche i passi per l'attuazione concreta delle misure a vantaggio della popolazione. Oggi (15 aprile) la Giunta su proposta dell'assessore provinciale all'economia Philipp Achammer ha approvato la delibera riguardante "Misure temporanee a sostegno delle imprese dei settori artigianato, industria, commercio e servizi, turismo e agricoltura". Premessa per questa delibera è stata la scorsa settimana la sottoscrizione di un accordo con le banche locali, che ha posto le basi per la concessione di finanziamenti agevolati.

Agevolazioni e semplificazioni per le imprese

Le misure approvate oggi si applicano a tutti i settori economici, dall'artigianato al commercio, dai servizi all'industria, dal turismo all'agricoltura. Fra le misure approvate figurano la sospensione fino a 24 mesi del pagamento della quota capitale relativamente ai mutui o finanziamenti leasing agevolati, l'estensione temporale delle definizioni di "nuova impresa" (da 24 a 36 mesi) e "successione d'impresa" (da 6 a 12 mesi), e una semplificazione dei procedimenti amministrativi. La semplificazione e il prolungamento dei termini riguarda le piccole imprese che hanno chiesto il sostegno provinciale per gli investimenti aziendali e per le aziende che hanno chiesto supporto per l' internazionalizzazione o la formazione del personale. Le associazioni di categoria e le loro cooperative, così come istituti, enti e organizzazioni che hanno già sostenuto spese per iniziative a favore di imprese poi annullate a causa delle misure restrittive legate all'epidemia da COVID-19 possono essere ugualmente ammesse a contributo.

Approvato un pacchetto in tempi rapidi per assicurare liquidità a famiglie e imprese. Ma anche misure che si discostano dalle regole sinora in vigore per garantire ad esempio più tempo alle imprese per consentire loro il rispetto dei tempi di pagamento, o semplificando le procedure per ottenere sostegno e supporto. Le necessarie premesse amministrative e normative sono state discusse oggi in Consiglio provinciale.

Sostegno importante all'agricoltura

E' fondamentale in questa fase offrire sostengo a tutte le imprese, anche a quelle che lavorano e commercializzano prodotti agroalimentari. Solo così potremo riattivare insieme il motore della nostra economia. Il settore del turismo, inoltre, particolarmente colpito da questa crisi, profitterà in particolare della moratoria sui pagamenti fino a 24 mesi. Nelle prossime settimane la campagna Restart di IDM inoltre contribuirà a risollevare passo passo il settore.

Le misure entrano in vigore dopo la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione e dell'Unione Europea e restano in vigore fino alla fine dell'anno.