TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Silvestrini (CNA): "Meno burocrazia, meno fisco e più efficienza per un nuovo Piano Marshall"

”Va messo in piedi il più importante processo di efficientamento del Paese della storia repubblicana. Un processo di sburocratizzazione, di messa in agilità di un Paese che ha potenzialità inespresse e che non cresce da vent’anni. Noi siamo a disposizione con tutte le nostre idee e capacità, come CNA, per dare al paese questo tipo di risposta”. Così Sergio Silvestrini, segretario generale CNA, nel corso del webinar organizzato da CNA Imola sul tema “Economia, Lavoro e Sicurezza: sostegno, sviluppo e innovazione in Emilia Romagna”. All’incontro, che si è svolto online, hanno partecipato il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, la presidente della V Commissione regionale,Francesca Marchetti. Padroni di casa, Paolo Cavini e Ornella Bova, presidente e direttore di CNA Imola.

#SULAMASCHERA! Richiedi la mascherina fatta in Italia più adatta alle tue esigenze. Le imprese della filiera della moda ci mettono la faccia

maschera 1

Richiedi la mascherina 100% italiana e sarai contattato dall'impresa a te più vicina

PRIVILEGIARE L’ACQUISTO MADE IN ITALY PER AIUTARE LE IMPRESE E IL PAESE A RIPARTIRE


Il settore moda, rappresenta uno degli assi portanti del sistema economico italiano. Un settore costituito soprattutto da Artigianato, Piccole e Medie Imprese che rischia di risentire molto della crisi causata dall’emergenza Coronavirus. Un tessuto d’imprese che ha un forte radicamento territoriale, una sensibilità sociale e etica. Un settore costituito da circa 80.000 imprese che danno lavoro ad oltre 1 milione di persone.

Lanciamo un appello per invitare tutti a privilegiare l’acquisto di prodotti made in Italy per rilanciare i consumi e sostenere l’intera filiera moda italiana.

Numerose delle imprese della filiera della moda, associate CNA, per venire incontro all'emergenza causata dal Covid19, hanno convertito la propria attività producendo mascherine, rigorosamente made in Italy. Provando così a rispondere alla crescente richiesta di questo strumento divenuto in poco tempo necessario e parte della nostra quotidianità.

Acquistando una o più mascherine prodotte dalle imprese aderenti alla campagna #SULAMASCHERA, oltre a proteggere te stesso e le persone a te vicine, proteggerai le imprese italiane e il nostro territorio. 
 
maschera 2
 

Il presidente Vaccarino (CNA) al premier Conte: credito, lavoro e fisco priorità per artigiani e piccole imprese

“Una occasione utile, soprattutto per riportare al centro dell’attenzione del governo i problemi di artigiani e piccole imprese”. A commentare così l’incontro con il premier Giuseppe Conte sul Decreto Maggio è il presidente della CNA, Daniele Vaccarino.

“Conte ci ha confermato che l’entità del provvedimento mirato a sostenere l’economia sarà di 55 miliardi – prosegue – ma il nostro giudizio diventerà positivo se verranno fornite risposte alle nostre richieste”.

Le priorità per la CNA sono: la riapertura di tutte le attività prima di giugno nel totale rispetto dei protocolli per la sicurezza e la destinazione delle risorse a fondo perdute principalmente ad artigiani e piccole imprese e ai settori più colpiti dalla crisi.

Coronavirus, lettera del presidente Claudio Corrarati ai soci CNA-SHV: alla politica diciamo "Ripartite da NOI"

Lettera aperta    Bolzano, 28 aprile 2020                 

Carissime Imprenditrici e carissimi Imprenditori,

Care Colleghe e cari Colleghi,

In questo periodo stiamo affrontando una crisi difficile e forse mai vissuta fino ad oggi.

Abbiamo cercato in queste settimane di seguire l’evoluzione di questa emergenza, sedendoci ai vari tavoli per le necessarie e importanti trattative, sia per la tutela delle nostre collaboratrici e dei nostri collaboratori, sia per ricevere i dovuti riconoscimenti sotto forma di contribuzioni e iniezioni di denaro nelle nostre casse, nel rispetto dei sacrifici che tutti Voi, tutti Noi stiamo mettendo in campo per continuare a dare un domani alle nostre aziende.

Alcuni risultati sono stati quanto mai eccellenti, come la stesura di linee guida per l’edilizia e per altre  attività in collaborazione con gli enti bilaterali di settore e con i presidenti e coordinatori di categoria. 

Per altri risultati abbiamo fortemente collaborato con l’Amministrazione provinciale per ottenere il diritto ai contributi provinciali a fondo perduto per un gran numero di aziende, per importi dai 3.000 ai 10.000 Euro ciascuna.

Nel complesso, dobbiamo dire che ad oggi i risultati sugli aiuti alle aziende sono stati  meno buoni di quanto ci aspettassimo in relazione ad  aiuti concreti rispetto alle forzate chiusure delle nostre attività. Su questo continueremo a essere pressanti con proposte mirate, come sempre abbiamo fatto, e con azioni nei confronti del sistema territoriale e nazionale.

Adesso, però, è il momento di ripartire con tutte le precauzioni, le misure, le tutele necessarie per difendere la salute di tutti, a partire dai nostri collaboratori, ma senza dimenticare la salute di tutti noi datori di lavoro e delle rispettive famiglie.

Ripartire significa essere vivi nel proprio tessuto economico di quartiere, di città, di provincia. Vogliamo vivere con e nelle aziende. Per questo chiediamo alla Politica fiducia e rispetto. Fiducia nel credere ad aziende capaci di trovare soluzioni per tutelarsi da un virus invisibile; rispetto nel credere alle nostre ditte fatte di donne e uomini consapevoli della portata di queste nuove regole, delle limitazioni e della loro importante applicazione per tutti noi.

Per rafforzare questo rispetto nei nostri confronti dobbiamo tutti noi rispettare al meglio le regole base di questa emergenza: rispettare le distanze, rispettare l’uso delle protezioni, rispettare le condizioni di igiene nei luoghi di lavoro e su attrezzature e mezzi.

Noi siamo pronti! Lo diciamo a gran voce da giorni. E lo diremo per ogni giorno a seguire per convincere la politica a fidarsi dell’economia.

Vi ringrazio da subito per l’impegno che metterete in questa fase delicata, Voi e i vostri collaboratori. Nello stesso tempo vi comunico che CNA-SHV e il sottoscritto si impegneranno per ottenere il rispetto e i riconoscimenti che sono dovuti alle nostre aziende, fortemente penalizzate da questa emergenza mondiale; riconoscimenti che dovranno tradursi in soluzioni reali per le nostre ditte.

 “Ripartite da Noi”: è quello che continueremo a dire alla Politica per Voi.

                                                                                                                                                         Il Presidente della CNA-SHV

                                                                                                                                                          Claudio Corrarati