TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Scuole professionali, premiati i migliori studenti altoatesini

Presso la scuola di via Roma sono stati premiati i migliori studenti diplomati negli istituti professionali provinciali.

Dopo la cerimonia di fine anno che ha coinvolto gli studenti altoatesini che hanno superato la maturità con il massimo dei voti, sono stati premiati oggi  (4 gennaio) per la prima nella scuola professionale di via Roma, a Bolzano, i migliori studenti diplomati del terzo e quarto anno della formazione professionale. “Non posso essere presente - ha detto il presidente Arno Kompatscher attraverso un videomessaggio - per un impegno istituzionale, ma avrei voluto esserci perché è davvero importante premiare i migliori studenti che ora sappiamo essere ben preparati per il mondo del lavoro. La nostra terra - ha aggiunto, rivolto ai ragazzi - ha bisogno di ragazzi con una formazione qualificata. Voi avete posto le basi per la vostra vita professionale ma anche, più in generale per il vostro futuro”. 

In tutto hanno ottenuto il riconoscimento 168 studenti delle scuole professionali in lingua tedesca, uno dell'istituto ladino e 19 di quelle italiane, che sono stati premiati dall’assessore all’istruzione in lingua tedesca, Philipp Achammer,  dall'assessore all'istruzione ladina, Florian Mussner, e dal capo della ripartizione professionale italiana, Renzo Roncat. Gli assessori Achammer e Mussner, ringraziando i ragazzi, hanno affermato che "il sistema formativo ha bisogno di modelli e voi siete un modello".

I ragazzi premiati provengono da otto istituti professionali in lingua tedesca – da quello di Silandro al centro di Laimburg -  dall’istituto Einaudi di Bolzano (negli indirizzi tecnico dei servizi di impresa, tecnico di conduzione di impianti automatizzati, tecnico diagnostico automeccanico), dall’Istituto Marconi di Merano (tecnico della gestione del personale), dall’istituto Mattei di Bressanone (tecnico dei servizi di impresa), e dalla Scuola per le professioni sociali Levinas di Bolzano.  “La nostra formazione professionale – aggiunge l’assessore all’istruzione italiana, Christian Tommasini – offre percorsi di qualità che danno ottime prospettive per l’inserimento nel mondo del lavoro. Premiare i ragazzi più meritevoli significa anche mettere in luce le qualità del nostro sistema formativo”.