Log in
 
A+ A A-

Occupazione record, l’artigianato crea nuovi posti. Manca manodopera in diversi settori

L’artigianato si conferma tra i motori dell’occupazione in Alto Adige. Secondo i dati dell’Osservatorio del mercato del lavoro, diffusi oggi, il mese di agosto ha toccato la cifra record di 210.932 occupati dipendenti: un aumento di 8.055 unità rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, con una crescita del 4%.

La manifattura artigianale ha contribuito con 252 nuovi occupati (+3,3%), l’edilizia artigianale è cresciuta di 258 unità (+3%). Oltre all’alberghiero, che registra una crescita del 9% (2.892 occupati in più), si registra una forte crescita dei servizi con 1.395 posti (+6%).

“Nonostante ci siano oltre 9.800 persone iscritte con lo status di disoccupazione – afferma Claudio Corrarati, presidente regionale della CNA-SHV – le nostre aziende faticano a trovare il personale qualificato di cui hanno bisogno, soprattutto nei settori dell’edilizia, nell’impiantistica, nei trasporti, nella manifattura e nel terziario. La riqualificazione dei senza lavoro, previa adeguata verifica delle competenze, è necessaria per abbattere ulteriormente la disoccupazione, ma anche per dotare di manodopera adeguata le piccole e micro imprese in cerca di personale. Tra i disoccupati ci sono molti over 50, ma anche diversi giovani che hanno abbandonato prematuramente gli studi. Anche a loro possiamo dare risposte occupazionali”.