Log in
 
A+ A A-

Piccole imprese, bollette dell'energia più care del 50% rispetto all'Europa. CNA-SHV: Alperia proponga offerte sul territorio

Come correre la maratona con una gamba legata. A questa competizione sono costrette le piccole imprese dall’esorbitante costo dell’energia elettrica. “La Provincia e i Comuni proprietari di Alperia mettano in atto interventi concreti sul territorio che diamo contenuto e senso alla scelta di provincializzare l’energia, altrimenti si rivelerebbe una scelta territoriale senza reali ricadute sull’economia”, afferma Claudio Corrarati, presidente regionale della CNA-SHV.  

Uno dei tanti fattori di svantaggio competitivo del sistema produttivo del nostro Paese rispetto ai principali concorrenti europei: il prezzo dell’energia elettrica pagato dalle nostre imprese, infatti, è superiore di quasi 36 punti percentuali alla media continentale. Con un differenziale che schizza addirittura al +45,4% per artigiani, micro e piccole imprese dai consumi annui inferiori ai 20 megawattora.

Lo rivela l’Osservatorio Energia 2017 curato dal Centro studi della CNA che confronta annualmente le bollette energetiche dei sistemi produttivi europei. L’analisi consente di valutare separatamente il peso delle diverse voci che concorrono alla formazione del prezzo finale (energia, rete di distribuzione, oneri e imposte) di sei fasce di consumo nelle quali è divisa l’utenza.

Le imprese italiane sono svantaggiate non solo per l’alto prezzo finale pagato ma anche per una bolletta mal strutturata. Le imprese italiane sopportano infatti il prelievo fiscale e parafiscale più alto d’Europa, del tutto indifferente alle logiche del mercato, mentre la componente energia non supera il 45% del prezzo finale. Si tratta di una circostanza estremamente critica per i consumatori, dato che è proprio sulla componente energia che si esercita la concorrenza. Non solo. L’Italia utilizza la bolletta anche per finanziare politiche che non hanno nulla a che fare con il consumo energetico dell’utente finale e dovrebbero incidere sulla fiscalità generale.

“A pagare più di tutti questa situazione sono le micro e piccole imprese, svantaggiate – sottolinea il presidente regionale della CNA-SHV, Claudio Corrarati - non solo rispetto alla concorrenza europea ma anche rispetto alle imprese più strutturate e con maggiori consumi. Nel 2016 le piccole imprese italiane hanno sopportato oltre un terzo (il 35,2%) degli oneri generali complessivi del sistema (in assoluto 5,6 miliardi) a fronte di un consumo pari al 25,9% del totale. Viceversa, le imprese medio-grandi hanno sostenuto il 34,1% degli oneri complessivi con un consumo del 35,6% del totale. E le imprese energivore hanno acquistato il 14% dell’energia consumata contribuendo, però, solo al 7,4% degli oneri complessivi”.

“Questi dati – commenta Corrarati – confermano una visione sbilanciata che continua a privilegiare le imprese energivore e non tiene conto delle micro, piccole e medie imprese”. Una visione confermata anche dalla nuova Strategia energetica nazionale, recentemente presentata dai ministeri dello Sviluppo economico e dell’Ambiente. “CNA-SHV – prosegue Corrarati -  ribadisce invece  la necessità di operare una riforma degli oneri generali di sistema, che dovrebbe già essere contenuta nella prossima Legge di bilancio, affiancando la riforma in fase di definizione dell’Autorità per l’energia”. In aggiunta, “anche il completamento del processo di liberalizzazione potrebbe far riscontrare un miglioramento delle condizioni di prezzo con riferimento alla componente energia, grazie a una più efficace competizione tra i diversi fornitori. Ci aspettiamo di più, infine, dalla Provincia e dai Comuni proprietari di Alperia, la società pubblica provinciale dell’energia, che può sostenere le piccole imprese con apposite offerte mirate, svolgendo un ruolo territoriale in linea con la decisione di creare una società provinciale unica per l’energia interamente a capitale pubblico”.